I Tarocchi di Bimbasperduta

Giugno 19, 2024

Film Pride e Tarocchi p. 3

Film Pride e Tarocchi p. 3. Terza settimana di Giugno, siamo nel vivo dell’estate, quali film pride ho scelto? A quali Tarocchi li ho abbinati? Beh, l’aria è sempre più calda e profuma di lago, di mare, di crema solare, le giornate sono sempre più lunghe e le notti dolci, gonfie del profumo di gelsolmino, […]
irenebimbasperduta

irenebimbasperduta

Sendinblue Newsletter

Upcoming Events

No Events Found

0 commenti

Invia un commento

Film Pride e Tarocchi p. 3. Terza settimana di Giugno, siamo nel vivo dell’estate, quali film pride ho scelto? A quali Tarocchi li ho abbinati?

Beh, l’aria è sempre più calda e profuma di lago, di mare, di crema solare, le giornate sono sempre più lunghe e le notti dolci, gonfie del profumo di gelsolmino, non vorrei mai andare a dormire. Se non si fosse capito io adoro tutto questo perciò i tre film che ho scelto sono, oltre che pride anche estivi.

Thelma

Thelma film pride tarocchi

Se siete stati bambini o adolescenti tra gli anni Ottanta e Novanta allora estate è per voi sinonimo di Notte Horror; il primo film del quale vi parlo oggi è un thriller paranormale (rientra quindi nel filone horror) selezionato per rappresentare la Norvegia ai premi Oscar 2018 nella categoria Oscar al miglior film in lingua straniera: Thelma.

Il lato obscurus dell’omosessualità

Thelma è una timida ragazza, proveniente da una famiglia molto religiosa, che lascia la campagna per trasferirsi a Oslo e intraprendere gli studi universitari. Qui scoprirà chi è davvero, la personalità volitiva, la sua omosessualità (si innamora di una sua compagna di corso) e i suoi eccezionali poteri psichici, ereditati dalla nonna.

Ho usato i proposito il termine obscurus, prendendolo in prestito dalla serie cinematografica Animali fantastici. Anche in questo caso, ciò che rende davvero inquietanti e pericolosi i poteri e anche la personalità di Thelma è la repressione severa cui sono sottoposti. La via della liberazione sarà per la ragazza dolorosa e lunga.

Il simbolismo del film

Anche se il mio consorte mi chiama “la spifferona” questa volta sarò buona e non farò spoiler, vi dirò solo che il film è intriso di simbolismo il che ci spinge ad almeno una seconda visione per poterlo apprezzare interamente. Il padre i Thelma è, naturalmente, il simbolo della repressione patriarcale che direttamente o indirettamente blocca le donne impedendo loro i esprimersi pienamente. Non si tratta, però di un padre padrone, non nel senso che intendiamo. Il padre di Thelma è una vittima egli stesso delle sue convinzioni religiose.

La repressione, dicevo, non è solo nei confronti delle donne ma di tutto ciò che le ricorda o che toglie la femminilità dal ruolo di inferiorità in cui il patriarcato la relega e da qui la repressione e la condanna dell’omosessualità che mette in dubbio la validità dei ruoli patriarcali.

Anche la madre di Thelma ha un ruolo simbolico, è la femminilità che accetta e difende il patriarcato che crede sinceramente che il proprio potere sia male e che è disposta qualsiasi sacrificio e azione per liberarsene, per difendere lo status quo.

Dal simbolismo ai Tarocchi

Temperanza Film Thelma

Anche l’acqua ha nel film un ruolo simbolico importantissimo ma la sua presenza non ci richiama alla cara della Luna, bensì della Temperanza.

Nel film come nella realtà l’acqua è il luogo sia della nascita sia della morte ma non solo; è anche il luogo della vita e della sessualità fluida, è il luogo nel quale emerge e viene imprigionato il vero sé e infine è l’elemento che insegna il controllo.

Tutti questi elementi avvicinano Thelma alla carta della Temperanza, arcano della socialità, dell’equilibrio e, per estensione anche del controllo e della maestria. Quando Thelma impara a controllare il proprio potere diventa anche brava ad usarlo.

La Temperanza al rovescio

Non tutti lo sanno ma la Temperanza è una delle quattro Virtù Cardinali e consiste nel giusto equilibrio, cioè nel non lasciarsi completamente dominare dagli impulsi e neppure nel reprimerli completamente. Nel Medioevo questa virtù era molto apprezzata e per questo spesso raffigurata nelle chiese.

Quando la Temperanza esce al rovescio mostra proprio il suo contrario, cioè l’intemperanza. È quanto accade nel film. La vita i Thelma è intemperante, prima perché troppo rigida e repressiva, dopo perché senza freni.

Il film è dunque esso stesso simbolo degli effetti devastanti della rigidità dei costumi e dell’incapacità di accettare la natura di ciascuno. Sarà proprio l’incapacità di accettare i poteri e la natura prima della nonna di Thelma e poi di Thelma stessa che nascerà il male.

La Temperanza, cioè l’equilibrio dinamico e armonioso nasce sempre dall’accettazione che le cose siano esattamente quelle che sono. Accettando di non poter cambiare la realtà si produce il vero cambiamento che avviene e può avvenire sempre e solo in noi stessi.

Chiamami col tuo nome

chiamami col tuo nome

Una storia omosessuale che inizia durante delle vacanze estive, c’è qualcosa di più adatto?

Chiamami con il tuo nome è un film del 2017, tratto dall’omonimo romanzo del 2007.

Sinceramente non ho mai visto questo film e neppure ho letto il libro ma quest’estate voglio fare entrambe le cose e non solo perché giugno è il mese del pride durante il quale consiglio film abbinati ai Tarocchi ma anche perché mi piace leggere storie ambientate nella stessa stagione che sto vivendo, capita anche a voi?

La trama del film

Ambientato durante la calda estate del 1987 sullo sfondo della riviera ligure, il romanzo è il racconto struggente del rapporto di amicizia e amore che nasce tra due ragazzi e che li accompagnerà negli anni a venire. Elio Perlman, diciassettenne ebreo italiano, musicista e molto maturo per la sua età, è figlio di un professore universitario che ogni anno accoglie nella sua casa sul mare un giovane studioso impegnato nelle sue ricerche. Oliver, ventiquattrenne ebreo statunitense, viene scelto dalla famiglia di Elio per il soggiorno estivo, durante il quale lavorerà a un saggio sul filosofo greco Eraclito. Oliver conquista subito la famiglia e la gente del posto con la propria bellezza e simpatia e coi suoi modi bruschi e americani. Elio se ne innamora pressoché immediatamente e dopo un’altalena di gentilezze e incomprensioni reciproche, i due giovani si lasciano trasportare dalla passione, che vede il suo culmine nei pochi giorni trascorsi assieme a Roma prima del ritorno di Oliver in America. Negli anni e nei decenni successivi i due torneranno a incontrarsi, ogni volta incapaci di esprimere a parole quell’esperienza breve ma di un’intensità unica e insuperabile che li ha legati per sempre (fonte Wikipedia).

Come i Dioscuri

tre di quadri film pride tarocchi

Poiché non ho letto il romanzo e non ho visto il film per scrivere l’articolo sono dovuta ricorrere all’auto spoiler ma per i propri lettori si fanno questi e altri sacrifici.

Da quello che ho letto ho immaginato che Elio e Oliver siano come i Dioscuri, i due gemelli figli di Zeus Castore e Polluce.

Associo pertanto il film pride Chiamami col tuo nome non a una carta dei Tarocchi ma al Tre di Quadri dell’Oracolo astro mitologico Grand Jeu Lenormand.

Inizialmente, infatti, Elio e Oliver vivranno nella stessa casa come una sorta di coinquilini, poi come fratelli e alla fine si scopriranno anime gemelle.

Ma non è solo per questa somiglianza banale che ho associato la carta al film. Il sentimento che lega Castore e Polluce è talmente profondo che neppure la morte riesce a separarli, allo stesso modo, Elio e Oliver non lasceranno che né l’oceano, né le scelte e neppure gli anni sciolgano quel legame ma ora basta perché scatta lo spoiler alert!

Il Ciclone

Il Ciclone Film Pride Tarocchi

Pieraccioni non è tra i miei registi preferiti, anzi, trovo la maggior parte dei suoi film pieni di luoghi comuni e banalità ma Il Ciclone e Il Pesce innamorato hanno una certa freschezza, una vivacità che li rende piacevoli da guardare.

Per film pride e Tarocchi ho scelto Il Ciclone, film del 1996, diretto e interpretato da Leonardo Pieraccioni.

Dalla Spagna con furore

Una compagnia di ballerine di Flamenco giunge dalla Spagna in paesello di provincia della Toscana ma non sono i balli, il segnale del cellulare (nel 1996 la linea per la telefonia mobile aveva una copertura a macchie di leopardo) o del televisore (simboli della modernità) sarà l’amore a sconvolgere tutti a portarli a prendere coscienza di sé, ad uscire dal guscio protettivo nel quale hanno nascosto i proprio sentimenti e sé stessi.

Sullo sfondo il percorso di coming out ante litteram (allora non si usava neppure il termine coming out) di Selvaggia (Barbara Enrichi), sorella di Levante (Leonardo Pieraccioni) protagonista della storia.

Il film si conclude con l’uscita fisica o simbolica dei personaggi dai propri confini o, se vogliamo, dalle proprie zone di comfort e dalla creazione di una nuova routine sebbene più ampia.

Credo che il Ciclone sia se non il primo almeno uno dei primi film italiani ad aver affrontato il tema dell’omosessualità femminile, per qualche motivo oggetto di un tabù ancora più forte rispetto all’omosessualità maschile della quale, in un modo o nell’altro, si è sempre parlato.

Ciclone o Cavaliere?

Cavaliere Lenormand film pride Tarocchi

Parlando di film pride e Tarocchi, anzi di Sibille, il Ciclone può bel essere rappresentato dalla prima carta dell’Oracolo Lenormand: il Cavaliere.

i personaggi…

Questa carta rappresenta l’arrivo di uno straniero o di una straniera. Qualcuno dal temperamento intraprendente dinamico, vivace e indipendente. Una persona intelligente, creativa, talentuosa energica e piena di idee, con notevoli capacità di adattamento, poiché ama l’avventura, viaggia volentieri e si sposta alla scoperta di nuove culture. Di carattere intuitivo in impulsivo.

Sembra, in definitiva, la descrizione del gruppo di ballerine che irrompono, come un ciclone, nella routine della famiglia Quarini, specialmente di Selvaggia e Levante.

…e gli eventi

Il Cavaliere, rappresenta anche l’arrivo di novità e cambiamenti nella vita del consultante. Specialmente l’arrivo di novità, occasioni da prendere al volo, lo spirito d’avventura e i viaggi. Esattamente tutto quanto viene alla fine risvegliato nei personaggi che, come già detto intraprenderanno un viaggio reale o simbolico alla ricerca i sé stessi.

Infatti, pur non lasciando il paese, Selvaggia porterà a termine il viaggio alla scoperta i sé, alla sua accettazione che la porterà a vivere la sua relazione con Isabella, esattamente come suo fratello Levante viaggerà fino in Spagna per stare con la donna che ama e da cui è riamato

Film, Tarocchi e Pride della prossima settimana

Siamo giunti alla fine anche di questo terzo incontro, come sempre vi chiedo quali sono i vostri film queer preferiti?

Di quali film vi piacerebbe che parlassi nel mese del Pride e a quali Tarocchi li assocereste?

Aspetto come sempre i vostri commenti,

Nec spe, nec metu

Irene Bimbasperduta

0 commenti

Invia un commento

Sendinblue Newsletter

Upcoming Events

No Events Found